Il traguardo dei 50 anni, ieri e oggi

Basta pensare a dive del calibro di Cindy Crawford, Julia Roberts e Monica Bellucci, tutte cinquantenni di oggi, tutte bellissime, in forma e con quel fascino in più dato dalla maturità. Niente a che vedere insomma con le cinquantenni di ieri, le nostre nonne e bisnonne insomma, che sembravano le mamme, le nonne o le vecchie zie delle cinquantenni di oggi.

L’invecchiamento dunque sembra aver bruscamente rallentato la sua corsa negli ultimi venti anni. Ma naturalmente la differenza, tra le cinquantenni di oggi e quelle di ieri sta nel fatto che oggi abbiamo una maggiore attenzione per l’aspetto fisico, la salute di corpo e mente e una grande attenzione alla prevenzione.

Abbiamo parlato di bellissime celebrities che, naturalmente, sono all’avanguardia su tutto, ma quello delle cinquantenni in ottima forma è in realtà un fenomeno consolidato e diffuso che comprende un po’ tutte le donne.

Cosa è cambiato dunque in un paio di decenni?

Fondamentale negli ultimi anni è stata la crescente attenzione alla pelle e in particolar modo al sole. Fino agli anni ‘80/’90 era di moda un’abbronzatura selvaggia anche in inverno, molti si sottoponevano per questo a lampade solari durante tutto l’anno. Ma, come ora sappiamo bene, il sole è estremamente dannoso per la pelle e la invecchia dall’interno, oltre a essere pericoloso per malattie anche gravi. Le donne di oggi hanno imparato a proteggere la pelle dal sole con una protezione medio-alta d’estate e creme con protezione UVB anche d’inverno.

Oltre al sole, un altro fattore molto dannoso per la pelle è determinato dal fumo, che rallenta la circolazione impedendo alla pelle di ricevere ossigeno a sufficienza. Anche su questo per fortuna negli ultimi anni si è sviluppata una maggiore consapevolezza e c’è una minore dipendenza dal tabacco e diversi organismi di supporto per chi ha bisogno di aiuto per smettere.

Un’altra rivoluzione è stata rappresentata indubbiamente dall’acido ialuronico, un vero e proprio miracolo per la medicina estetica. Un elemento già presente nel nostro corpo che quindi non ha effetti collaterali e che se usato con microiniezioni, stimola i fibroplasti, rinnova la pelle in profondità, la idrata e la rende più compatta. Si tratta di un trattamento minimamente invasivo e non particolarmente costoso dal punto di vista economico, dunque alla portata di tutti.

Cosa cambia nel nostro corpo intorno ai 50 anni e come fare a mantenerlo al meglio?

A 50 anni nelle donne, in seguito alla menopausa, diminuisce la produzione degli estrogeni e questo determina una riduzione della densità e della compattezza del derma, lo strato più profondo della pelle, che trae elasticità da questi ormoni. La pelle diventa quindi più sottile e tende a cedere verso il basso a causa della forza di gravità. L'ovale del viso si modifica, la pelle diventa secca, assume un aspetto più opaco e le rughe cominciano ad essere evidenti. Ecco quindi che si può ricorrere a un intervento volto a risollevare la pelle, il lifting facciale, che consente di tirare la pelle e rimuoverne l’eccesso.

Anche gli occhi, punto centrale del viso, che accusano il passare del tempo, possono essere “risollevati” con una tecnica chirurgica chiamatablefaroplasticache rimuove le borse sotto gli occhi e l’eventuale pelle in eccesso per ringiovanire lo sguardo.  

Attorno alle labbra, invece, possono formarsi diversi tipi di rughe. In particolare le rughe verticali, definite anche “codice a barre” possono essere distese e riempite grazie all’acido ialuronico, così come le mani.

Per le macchie che col tempo si formano su viso, collo e mani si può infine intervenire con il laser ottenendo buoni risultati.

Oltre a tutto questo naturalmente non dimentichiamo che l’invecchiamento parte per buon parte dalla nostra testa, e come ci sentiamo e appariamo è determinato anche da un fattore mentale, un atteggiamento positivo e una volontà di curare e mantenere il proprio aspetto, la propria bellezza e salute.